Un sorso di Valpolicella tra muretti a secco fino alla Tenuta Santa Maria

In bicicletta elettrica attraverso il paesaggio

Giusto fuori Verona, la campagna e la collina è caratterizzata dalla coltivazione della vigna. A pergola o alla francese, i lunghi filari, come pettinati da enormi rastrelli, adornano il paesaggio già molto umanizzato. Conscendo i percorsi giusti, si può partire alla scoperta della Valpolicella in bicicletta (muscolare o elettrica) senza farsi mancare una sosta a un’azieda agricola per scoprire cantine fresche dove le botti vecchie ci daranno il famoso vino buono. Il racconto di chi il vino lo ama e lo produce darà alla degustazione un altro sapore.

Nel video siamo andati a trovare la Tenuta Santa Maria Valverde che è sensibile ai ciclisti e ha allestito una bike station per le piccole riparazioni. Qui assaggiamo dell’ottimo vino Valpolicella. Nell’alta Valpolicella e in tutta la zona collinare di Verona i versanti scoscesi delle colline sono stati terrazzati utilizzando la tecnica dei muretti a secco. Tornante dopo tornante riconosciamo i muri più antichi con i sassi a lisca di pesce, le vecchie scalette e i rifacimenti più recenti e frettolosi. In e-bike si sale con poca fatica.

Comments are closed.

Newsletter

Iscriviti, ti terremo aggiornato sulle attività i viaggi e le proposte.